WEEKEND SICILIA

3 giorni (2 notti)

IMBARCAZIONI

Scopri tutte le nostre imbarcazioni che ti accompagneranno durante la vacanza, barca a vela o catamarano.

ITINERARIO

Scegli quale località scoprire nel weekend a vela!
(L'itinerario riportato è un'indicazione di massima. Il viaggiare per mare, per sua stessa natura, rende impossibile rispettare un programma definito.)

Il weekend a vela in questo mare, prevede la navigazione lungo il litorale palermitano, fino a raggiungere Mondello, una deliziosa località marina, dove trascorrere giornate in mare. Si visiterà l'Isola delle Femmine e il faro. Bagni e snorkeling, piuttosto che massimo relax cullati dal mare, o ancora, godere di un pasto a bordo, a base di pesce fresco. In serata, la città di Palermo, offre ogni tipo di soluzione: ristoranti, pub, oppure locali notturni, piuttosto che aperitivo al tramonto e passeggiate in centro, in cerca del miglior cannolo siciliano.

Un angolo di mare molto rinomato; si tratta dell'area naturale protetta a nord della costa trapanese. Escursioni tra le insenature di roccia e le nuotate in acque trasparenti, saranno i piaceri durante il giorno. Il weekend a vela, fa vivere anche qui giornate di intenso mare, e serate colorite a San Vito, la piacevole e viva cittadina, che si presta per concludere al meglio la giornata, tra i sapori e colori siciliani.

Il weekend in barca a vela, consente di raggiungerre Favignana, l'isola più vicina dell'Arcipelago delle Egadi. Si visiteranno Cala rossa, Cala Azzurra, e si potrà decidere di organizzare escursioni in motorino, bici oppure a piedi, fino a raggiungere il punto panoramico, piuttosto che andare alla scoperta dell'isola. In caso di condizioni marine avverse, si potrà sviluppare la rotta lungo la costa trapanese, raggiungendo San Vito Lo Capo. Per gli appassionati di archeologia, una passeggiata al Parco Archeologico di Lilibeo a Marsala.

RECENSIONI

Scopri cosa gli altri dicono di noi!

Abbiamo rotte per tutti i gusti!

Dopo aver passato i primi anni della sua vita nel comune natale in provincia di Pavia, si laurea in architettura a Torino, ma già negli anni trenta (all'età di 18-20 anni) partecipa a manifestazioni del secondo futurismo, per poi avvicinarsi all'astrattismo geometrico e al costruttivismo