CORSICA NORD
BARCA a VELA

8 giorni (7 notti)

IMBARCAZIONI

Scopri tutte le nostre imbarcazioni che ti accompagneranno durante la vacanza, barca a vela o catamarano.

ITINERARIO

Scopri giorno per giorno quali saranno le varie tappe del viaggio!
(L'itinerario riportato è un'indicazione di massima. Il viaggiare per mare, per sua stessa natura, rende impossibile rispettare un programma definito.)

Prima cena di bordo

L’imbarco è previsto alle ore 18:00 al porto di Salivoli (o gli altri porti indicati in base all’imbarcazione prenotata). Si fa cambusa e ci si prepara per la prima cena di bordo e il primo briefing sul programma di viaggio…

Prima notte di crociera a Capraia

Navighiamo per qualche ora per raggiungere questa splendida isola dell’Arcipelago Toscano, Capraia (in alternativa l’isola d’Elba). Durante la rotta, si avvistano spesso i delfini e le stenelle che amano giocare a prua della barca, con la schiuma formata dalle onde. L’isola di Capraia si presenta oggi con la sua aspra e incontrastata bellezza. Adagiata in una cornice cristallina, si insinua in anfratti di ripide scogliere e suggestive calette. Prima notte di crociera a Capraia (o Isola d’Elba), in rada o in porto per poter visitare il paese.

Capo Corso, il regno del vento

Ed ecco la Corsica! Si raggiunge in 2-3 ore di navigazione. Qui comincia il regno del vento di cui Capo Corso è il padrone assoluto. Capo Corso ha il privilegio di un mare dalla trasparenza incredibile, a terra invece è possibile percorrere il Sentier de Duantier. Una lunga passeggiata trekking tra mirti, ginestre e le mandrie di mucche libere. A ovest il mare sprofonda fino a 1300 metri. Un brivido veleggiare in queste acque ricche di storia marinara e sportiva. Si sceglie l’approdo fra Macinaggio, Tamarone, Santa Maria, piccolo inserto quasi caraibico. In alternativa, spiagge e approdi ricchi di charme come quelle di Tollare e Barcaggio.

Le migliori aragoste del mondo

Siamo a Centuri, un affascinante piccolo porto di pescatori. Qui i tramonti hanno scenari magici. In questo piccolo porto-scrigno, ricco di piccoli caratteristici ristoranti, si possono gustare le migliori aragoste del mondo. Vale la pena scendere a terra anche per gustare la tipica birra Pietra alla castagna. La sosta a Centuri è possibile con buone condizioni meteo, che in genere ci assistono. Si cerca un posto riparato per potersi gustare un’ennesima notte sotto le stelle… oppure si raggiunge direttamente Saint Florent, per trascorrere la notte in una baia riparata.

Piccolo paese, ma bellissimo

La veleggiata continua fino a Saint Florent, paese piccolo ma bellissimo, con ristorantini nascosti nelle insenature a nord. Qui vale la pena fare una visita a terra e poi decidere se fermarsi al porto per poter cenare in uno dei locali corsi, oppure cenare a bordo per poi scendere con il tender e gustarsi la serata a terra.

Sabbia finissima dall’aspetto caraibico

Oggi visitiamo le spiagge incontaminate di Saleccia e della Mortella fino al Desert des Agriates. Questo paradiso di sabbia finissima dall’aspetto caraibico, è frutto del “duro lavoro” dei torrenti provenienti dai monti interni della Corsica. Essi sfiorano i 2710 metri di altezza col monte Cinto, il tetto dell’isola. Ci si prepara per tornare in Italia, In alternativa ci si attarda in Corsica ancora un po’ navigando verso le insenature riparate di Tamarone o Finocchiarola.

Ultimo bagno a Cala Rossa

Si naviga puntando sulle coste della Toscana o lungo quelle di Capraia. Ancora un ultimo bagno a Cala Rossa. La bellezza selvaggia dell’isola è resa ancora più vivida dal color rosso delle rocce vulcaniche, che si gettano nel mare. Un tuffo e ancora ed un pranzo fugace. Si torna verso il porto di sbarco, dove trascorreremo l’ultima notte di questa splendida crociera in Corsica nord in barca a vela.

Sbarco al porto

Lo sbarco è previsto entro le ore 9:30, nello stesso porto di imbarco.

RECENSIONI

Scopri cosa gli altri dicono di noi!

Scegli la tua rotta ideale

Dopo aver passato i primi anni della sua vita nel comune natale in provincia di Pavia, si laurea in architettura a Torino, ma già negli anni trenta (all'età di 18-20 anni) partecipa a manifestazioni del secondo futurismo, per poi avvicinarsi all'astrattismo geometrico e al costruttivismo